Diritti fondamentali

Kirby sul massacro di Rafah: “Abbiamo fatto la stessa cosa” in Iraq e Afghanistan

di Brett Wilkins – CommonDreams Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, lo scorso martedì ha difeso Israele dopo che i suoi militari hanno ucciso e ferito centinaia di palestinesi in attacchi contro accampamenti di rifugiati nella città di Gaza meridionale di Rafah e nelle sue vicinanze, all’interno di…

L’orrore e la sua rimozione

STRIPE: Clicca qui Di Andrea Zhok Dalle notizie che giungono ieri sera a Rafah l’esercito israeliano ha bombardato le tende degli sfollati poste accanto ai magazzini dell’UNRWA (United Nations Relief and Works Agency).Il numero dei morti e dei mutilati è indefinito, ma l’ordine di grandezza è del centinaio.Non è naturalmente il primo crimine di guerra…

L’orrore e la sua rimozione

STRIPE: Clicca qui Di Andrea Zhok Dalle notizie che giungono ieri sera a Rafah l’esercito israeliano ha bombardato le tende degli sfollati poste accanto ai magazzini dell’UNRWA (United Nations Relief and Works Agency).Il numero dei morti e dei mutilati è indefinito, ma l’ordine di grandezza è del centinaio.Non è naturalmente il primo crimine di guerra…

Falliti i negoziati: il nuovo piano pandemico dell’OMS (almeno per ora) non si farà

Il nuovo Trattato Pandemico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, almeno per ora, è stato affossato. I negoziati per arrivare a un nuovo testo definitivo in vista della 77esima assemblea dell’OMS, che inizia oggi a Ginevra e proseguirà fino al prossimo 1º giugno, non hanno infatti prodotto nessun risultato concreto, con una serie di Stati che hanno…

Salviamo il soldato Reznikov!

di Eliseo Bertolasi Il 3 maggio 2024 si è tenuto a Roma, nei pressi dell’ambasciata ucraina, un picchetto a sostegno della figlia minorenne di un prigioniero di guerra russo Denis Sergeevich Reznikov, di Makeevka (sobborgo di Donetsk) detenuto nelle carceri ucraine. L’evento, che ha suscitato l’interesse della popolazione italiana, è stato organizzato dall’Associazione culturale “Speranza”.…

Trattato pandemico, il 27 è vicino ma nessuno ne parla…

Una delle cose che detesto maggiormente è dovermi ripetere. Il  fatidico 27 maggio è qui alle porte e avete forse visto o sentito parlare di Trattato pandemico dell’OMS e della riforma del Nuovo Regolamento Sanitario Internazionale (RSI), ovvero un “cavallo di Troia” del Trattato stesso? Fuori i giornali o i notiziari tv che si degnino…

Ortega: la Cina porta benessere e progresso dove l’Occidente “ha portato orrore, schiavitù e morte”

Il Presidente del Nicaragua, Daniel Ortega, ha affermato che è in corso una battaglia per l’indipendenza dei popoli latinoamericani e caraibici e che i popoli del mondo intero devono lottare per la pace. Ha pronuciato un attuale ed estremamente interessante discorso con diversi riferimenti storici, in occasione della consegna di autobus provenienti dalla Cina alle…

La Lega vuole mandare in carcere chi protesta contro le grandi opere

La Lega vuole alzare fino a 25 anni di carcere la pena per chi protesta in modo “minaccioso o violento” contro le grandi opere infrastrutturali. È quanto si apprende dalla Commissione Giustizia e Affari costituzionali della Camera dei Deputati, dove nelle ultime ore è stato depositato un emendamento – firmato dal deputato del Carroccio Igori…

Secondo alcuni indizi la caduta dell’elicottero presidenziale iraniano potrebbe non essere stata accidentale

Hal Turnerhalturnerradioshow.com L’incidente dell’elicottero presidenziale iraniano comincia a sembrare un assassinio deliberato e ben pianificato. Tale è cospirazione e ora anche l’insabbiamento, che le immagini dei satelliti meteorologici di quella regione nel giorno dell’incidente sono state cancellate!

Nuova Caledonia, per sedare la rivolta Macron promette più polizia e repressione

È arrivato questa mattina in Nuova Caledonia il presidente francese Emmanuel Macron, dopo 11 giorni di rivolte nell’arcipelago del pacifico. Accompagnato dal ministro degli Interni Gerald Darmanin, dal ministro delle Forze Armate Sébastien Lecornu e da Marie Guévenoux, ministra dei Dipartimenti d’Oltremare, il presidente francese ha tenuto una riunione a porte chiuse di 4 ore…

Seymour Hersh: Molte brigate ucraine pronte a disertare in caso di “offensiva suicida”

Il conflitto in Ucraina finirà con la schiacciante sconfitta di Kiev, a meno che non venga risolto diplomaticamente, ha dichiarato il giornalista statunitense Seymour Hersh. “Gli Stati Uniti, negli anni in cui Biden è stato in carica, hanno speso 175 miliardi di dollari per combattere una guerra che non può essere vinta e non sarà…

Corte Internazionale di Giustizia: “Stop alle operazioni a Rafah, Israele non tutela i civili”

La Corte internazionale di giustizia si è espressa sulle richieste urgenti avanzate dal Sudafrica la scorsa settimana, ovvero di imporre a Israele lo stop delle operazioni militari a Rafah. In particolare, la Corte ha riconosciuto il fatto che Israele non sta mettendo in campo misure sufficienti per tutelare la popolazione civile; al contrario, le azioni…

Fosco Giannini – Lettera aperta alla Senatrice Liliana Segre

di Fosco Giannini*   Gentile Senatrice Liliana Segre, sono Fosco Giannini, Senatore della Repubblica e Capo Gruppo in Commissione Difesa al Senato durante la XV Legislatura. Le invio questa Lettera Aperta nella speranza di poter avviare una cortese e rispettosa conversazione con lei, non perché la mia persona possa godere della sua luce riflessa,…

Continua l’esecuzione al rallentatore di Julian Assange

Chris Hedgeschrishedges.substack.com La decisione dell’Alta Corte di Londra di concedere a Julian Assange il diritto di appellarsi all’ordine di estradizione verso gli Stati Uniti potrebbe rivelarsi una vittoria di Pirro. Non significa che Julian sfuggirà all’estradizione. Non significa che la corte abbia stabilito, come dovrebbe, che si tratta di un giornalista il cui unico “crimine”…

Fino alla fine: l’abbandono dei bambini in Occidente

Di Christophe Lemardelé,  France-Soir.fr Il film western di Vigo Mortensen Jusqu’au bout du monde, attualmente nei cinema transalpini, si intitola The Dead Don’t Hurt, in altre parole, non si soffre una volta morti… ma prima. Quindi il titolo francese non corrisponde in alcun modo a quello americano. Si basa sulle ultime immagini del film e…

Torna su