Vacini anti Covid ed eventi avversi sui BAMBINI: almeno 397 casi di miocardite negli USA


A 397 bambini vaccinati con Pfizer per il Covid è stata diagnosticata un'infiammazione cardiaca: lo rivela uno studio dei CDC USA


Secondo uno studio pubblicato il 30 luglio dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) degli USA, a quasi 400 bambini di età compresa tra 12 e 17 anni è stata diagnosticata un’infiammazione cardiaca dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech contro il COVID-19.

L’infiammazione del cuore non era stata identificata come reazione avversa durante gli studi di sicurezza per il vaccino.

Il CDC ha condotto lo studio esaminando le segnalazioni di reazioni avverse al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) tra il 14 dicembre 2020 e il 16 luglio 2021.

Degli 8,9 milioni di bambini che hanno ricevuto il vaccino a partire dal 16 luglio, ilha ricevuto un totale di 9.246 segnalazioni di reazioni avverse, il 90,7% delle quali costituite da “eventi avversi non gravi”. Le 397 segnalazioni di infiammazione cardiaca costituivano il 4,3% del totale.

Il comitato consultivo del CDC ha condotto una valutazione rischio-beneficio basata sui rapporti sulle reazioni avverse e continua a raccomandare il vaccinoai bambini dai 12 anni in su.

Secondo lo studio, 14 bambini sono morti dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer. La causa della morte non è ancora disponibile per sei dei casi. Degli altri otto bambini, due sono morti per emorragia intracranica, due sono morti per embolia polmonare, due si sono suicidati, uno è morto per insufficienza cardiaca e uno è morto per una rara malattia del sangue.

In nessuno dei referti la causa di morte è stata attribuita ad una miocardite.

Le osservazioni sulla causa della morte non hanno indicato uno schema indicativo di una relazione causale con la vaccinazione; tuttavia, la causa della morte di alcuni deceduti è in attesa della ricezione di ulteriori informazioni”, ha scritto Anne Hause, l’autrice dello studio del CDC.

Hause ha osservato che lo studio è soggetto a diverse limitazioni, incluso il fatto che “il VAERS è un sistema di sorveglianza passivo ed è soggetto a errori di segnalazione e segnalazione insufficienti”. Sebbene il sistema sia complessivamente passivo, i medici sono tenuti a segnalare tutti gli eventi gravi successivi alle vaccinazioni. Inoltre, lo studio non è stato progettato per catturare tutti i casi di infiammazione cardiaca e ha contato solo i rapporti che utilizzavano il termine “miocardite”.

La Food and Drug Administration (FDA) ha rilasciato un’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino Pfizer per i bambini di età pari o superiore a 16 anni l’11 dicembre 2020. La FDA ha esteso l’autorizzazione ai bambini di età pari o superiore a 12 anni il 10 maggio 2021.

Dopo che a giugno sono iniziate ad arrivare segnalazioni di infiammazione cardiaca, il comitato consultivo delha concluso che i rischi di un’elevata infiammazione non superavano i benefici del vaccino e ha deciso di continuare a raccomandarlo ai bambini di età pari o superiore a 12 anni.

I rappresentanti di Pfizer e BioNTech non hanno risposto a una richiesta di commento.

Fonte: The Epoch Times

COMMENTACommenta COMMENTA

Lascia un commento