Andrea Zhok sull’on. Bersani e la meritocrazia sanitaria


Il principio della "cura secondo merito" condurrebbe al più feroce degli "stati etici" con le cure private come unica alternativa.


L’altro giorno a Piazza Pulita (La7) Pierluigi Bersani, ex segretario del Partito Democratico ed ex ministro della Repubblica, ha affermato: “Finché c’è posto per curare, bene. Se non ci fosse più posto, non sta fuori un malato di tumore o di leucemia perché qualcuno dice che il vaccino è roba da ridere. Questo bisogna che lo diciamo.” […]
Una volta che passa il principio della “cura secondo merito” le opzioni in campo restano solo due: o uno “stato etico” che giudica moralmente ogni aspetto dei comportamenti individuali per redigere le proprie gerarchie di merito (e di accesso alle cure pubbliche), o uno stato assente che lascia a ciascuno l’onere di cavarsela con le proprie risorse private.

Andrea Zhok

Leggi l’articolo di Andrea Zhok su sfero.me

COMMENTACommenta COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su