Aspettando il futuro

Spiegato semplice

C’è una persona di nome Todd che pensa che il futuro potrebbe essere come nei film dove tutto è molto brutto e la gente vive in un mondo dove non ci sono regole o dove qualcuno controlla tutto. Todd dice che forse prima vivremo in un mondo dove sembra che tutto vada bene, ma in realtà ci sono delle regole molto severe che cambiano come viviamo. Lui pensa che questo sia già iniziato con il virus Covid, che ha fatto cambiare molte cose velocemente.

Todd crede che ci siano state altre situazioni nel passato che hanno fatto pensare la gente che tutto andasse bene, ma in realtà c’erano dei problemi nascosti. Ad esempio, lui dice che il virus Covid è stato usato per fare in modo che la gente facesse delle cose che normalmente non avrebbe fatto, come farsi dare delle iniezioni.

In futuro, Todd pensa che ci saranno ancora più regole e che la gente dovrà fare cose come mostrare dei codici speciali per andare in posti diversi o essere controllati su quello che fanno e comprano. Anche se sembra che ci saranno più giochi e cose divertenti da fare, lui pensa che questo sarà solo per distrarci dalle regole severe.

Todd non è sicuro se la gente si accorgerà di quello che sta succedendo e se cercherà di cambiare le cose, ma spera che alcune persone si sveglieranno e si uniranno a lui per dire che non va bene vivere con tutte queste regole.

Fine spiegato semplice.

Todd Hayen
off-guardian.org

Sembra che sia opinione comune tra noi brontoloni che, molto probabilmente, finiremo in un mondo simile a quello di Mad Max, o di 1984, o in qualcosa di ancora peggiore.

Per me è più probabile un’esistenza alla Brave New World. Forse prima quello e poi Mad Max: è possibile. Forse una situazione alla Brave New World è troppo estrema, sicuramente lo è per un futuro prossimo.

Quindi, cosa sembra probabile per i prossimi dieci anni o giù di lì? Come si dice spesso, l’agenda ama fare le cose lentamente. Ci hanno fatti bollire “a fuoco lento” per un bel po’ di tempo (alcuni dicono per più di cento anni) ma hanno fatto un’eccezione con la sceneggiata Covid.

Quella si che è stata veloce!

Ma forse “veloce” non è la parola giusta, il mondo era stato preparato per decenni a reagire nel modo in cui ha reagito. Quindi, la reazione alla Covid è stata effettivamente la reazione prevista dopo decenni di imprinting e lavaggio del cervello. La sceneggiata in sé è stata estrema, ma forse non veloce.

Penso che la natura “estrema” dell’incidente Covid abbia svegliato molte persone (io di sicuro), ma non è stato il primo evento estremo a colpirci. L’11 settembre è certamente un evento che può essere considerato al pari di una sceneggiata. Forse anche altre cose verificatesi nel corso degli anni sono state delle sceneggiate: Gaza e Israele, il conflitto ucraino, Snowden e Assange, vari eventi internazionali, l’assassinio di Kennedy e lo sbarco sulla Luna.

Sebbene questi eventi siano stati grandi, non lo sono stati, almeno per me, quanto l’evento Covid: costringere miliardi di persone a farsi iniettare una pozione potenzialmente mortale per scongiurare una minaccia biologica inventata è un fatto piuttosto grande e, ovviamente, molto più inventato di tutti gli altri eventi citati (tranne nel caso dell’11 settembre, dove era abbastanza ovvio).

Che sia stata la pura avidità a guidare il disastro Covid, o un’arma biologica inventata in laboratorio, o un falso virus che non è mai esistito, o un tentativo di uccidere la maggior parte della popolazione mondiale, non cambia la verità fondamentale: è stata una truffa.

Chiunque stia leggendo questo articolo, e speriamo che se ne aggiungano altri con il passare del tempo, è profondamente consapevole che stiamo andando in una direzione molto pericolosa. Altre pandemie (che non sono vere pandemie), CBDC [valute digitali delle banche centrali], ID digitali, punteggi di credito sociale, UBI [reddito di base universale], città intelligenti, chip sottopelle, ecc. ecc. sono solo alcuni dei mostri che si nascondono sotto il nostro letto collettivo.

Quindi, cosa significa tutto questo? Beh, molti di questi mostri potrebbero essere lì solo per spaventarci a morte e non per afferrare il nostro braccio penzolante e tirarci sotto (questo è probabilmente vero solo per gli allarmi sulla salute, ma chi lo sa?). I mostri che si manifesteranno in tutta la loro orribile crudezza faranno soffrire noi (i brontoloni) ma probabilmente non susciteranno molta paura e angoscia nelle pecore.

Una delle psyop di maggior successo è stata quella di convincere le persone che non c’è mai nulla da temere dall’agenda, ma che bisogna aver paura solo dei problemi che l’agenda sta cercando di risolvere. Prendiamo ad esempio le CBDC. Queste per le pecore non sono un mostro, sono un rimedio per tutti i problemi che, secondo l’agenda, sarebbero creati dal contante.

È diventato sempre più facile convincere le pecore che dietro la carota non c’è il bastone (e, a proposito, la maggior parte di noi -non tutti- nella propria psiche ha un po’ di pecora nascosta sotto la lana). Questa mentalità del “non-esiste-il-bastone” è stata uno dei maggiori successi delle psyop e anche in modo spaventoso.

Il risultato finale di un tale lavaggio del cervello è che le persone implorano il bastone, senza neanche il bisogno della carota (si può dire “suicidio medicalmente assistito” per i problemi di salute mentale?).

La maggior parte di noi vede molto chiaramente il bastone. La maggior parte di noi crede che le carote siano in realtà bastoni e teme un futuro alla Mad Max. E, anche se l’orrore per il futuro è così tenue che le pecore neanche se ne accorgono, noi ce ne accorgiamo.

Vediamo alcuni esempi.

La logica che le pecore usano per descrivere le ragioni per cui questo rafforzamento della sicurezza (e quindi la perdita delle libertà personali) non le riguarda in modo negativo è: “Non ho nulla da nascondere, nulla da temere, sono una brava persona e non farò nulla che possa indurre le autorità a interessarsi a me, a ricercarmi o a invadere la mia(tranne quando stanno cercando qualche ALTRO criminale)“.

Questo funzionerà sicuramente fino a un certo punto. E non si accorgeranno di quanto dovrà diventare restrittiva la loro vita per continuare ad essere “una brava persona”. Qui sta il problema. Cosa succede se fare una passeggiata al di fuori dell’orario del coprifuoco fa diventare “cattivi”, o andare in chiesa o praticare qualche altra attività innocua? È la definizione di essere “una brava persona” che cambierà lentamente.

Un altro esempio. In questo “futuro prossimo” ci saranno restrizioni di movimento. La maggior parte dei pecoroni pensa che questo possa anche andar bene.

All’inizio, per uscire dalla città sarà necessario scansionare un codice QR. Ormai siamo tutti abituati a usare i codici QR, visto che la maggior parte dei ristoranti richiede una scansione per ottenere il menu. “Non c’è problema“, dice l’agnellino. “Stanno solo controllando quanto è grande la nostra impronta di carbonio, in modo da evitare che le temperature salgano troppo e il riscaldamento globale ci uccida tutti“.

Poi arriva la scansione del codice QR e l’avviso che bisogna tornare indietro, tornare a casa e rimanerci. Poi arrivano i giorni in cui a nessuno è permesso avventurarsi fuori di casa per un giorno, una settimana, “fino a nuovo ordine”.

Il quadro è chiaro.

Lo stesso vale per una serie di altre situazioni. Il riscaldamento e l’aria condizionata a casa vostra, il cibo che si compra al supermercato, tutti controllati dai punteggi sociali o dalle condizioni di salute (per quale malattia hai evitato il sesto richiamo?). Cose semplici come queste. Siamo ben lontani da Mad Max o dalla rappresentazione del futuro prevista da Orwell in 1984.

In questo periodo ci sarà una proliferazione di videogiochi, la e l’intelligenza artificiale prenderanno piede, comprese le bambole robotizzate per soddisfare il nostro desiderio di compagnia fisica/sessuale.

Insieme all’aggravarsi delle restrizioni, aumenterà l’intrattenimento. Più divertimento, più piacere fisico, più droghe legali, più stimolazione dei sensi. Il tutto progettato per impedirci di preoccuparci di ciò che sta accadendo sotto il nostro naso.

Le pecore riusciranno ad accorgersene e si uniranno a noi per fare qualcosa? Ne dubito seriamente. Forse, quando la situazione diventerà incandescente, qualche persona in più si sveglierà e passerà dalla nostra parte della barricata. Ma la maggior parte si adatterà e basta.

Molti finiranno per essere arrestati, e forse si gratteranno la testa e diranno: “Ma io ero una brava persona, non ho fatto nulla di male“. Ma tutti gli altri intorno a loro diranno: “Hmmm, deve essere stato cattivo, io sono buono, non ho nulla da nascondere o da temere“, finché anche loro non porteranno a spasso il cane una sera dopo il coprifuoco e verranno fermati da Robocop e mandati in prigione. Senza mai più rivedere il loro cane.

Todd Hayen

Fonte: off-guardian.org
Link: https://off-guardian.org/2024/06/22/looking-forward-to-the-future/
22.06.2024psyop
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Todd Hayen è uno psicoterapeuta registrato che esercita a Toronto, Ontario, Canada. Ha conseguito un dottorato di ricerca in psicoterapia del profondo e un master in studi sulla coscienza. È specializzato in psicologia junghiana e archetipica.

Fonte: comedonchisciotte.org

COMMENTACommenta COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su