Covid19 e vaccini, quello che non sappiamo


Affermazioni shock dalla Dr. Balanzoni sul virus SARS-CoV-2 e i vaccini anti Covid: quello che la scienza ancora non ha compreso.


Nel video qui sopra, la Dr. Barbara Balanzoni, medico anestesista rianimatore e giurista, denuncia che ancora non si sono compresi i meccanismi dell’infezione da SARS-CoV-2 e che, in base alle osservazioni di come un maggiore numero di anticorpi possa aggravare la malattia, mancano i fondamenti scientifici che giustifichino l’adozione dei vaccini contro il COVID-19.

La fonte a cui fa riferimento è la stessa che ha adottato per l’intervista rilasciata al quotidiano “La Verità” (pubblicata il 23 agosto): il numero di maggio 2021 della rivista “Anestesia e Terapia Intensiva”.

In primo luogo, non si sa quali siano gli organi coinvolti e come vengano attaccati:

Non abbiamo ancora compreso i meccanismi con i quali questo virus riesce a entrare nell’organismo, in particolare qual è l’organo bersaglio. Sappiamo che è il polmone con il recettore ACE2 ma ci sono localizzazioni disseminate anche in tessuti che non esprimono quel recettore. Non si sa, pertanto, come il virus possa entrare in altri distretti: quelli privi o comunque con poco recettore ACE2.

Poi, su pericolo connesso alla presenza di molti anticorpi:

Il titolo anticorpale più è alto, più il paziente è grave; e che ci sono dei danni a distanza rispetto al polmone che sono dovuti ai meccanismi infiammatori esuberanti o comunque a una risposta sregolata che determina la disseminazione anche in altri territori, poi l’insufficienza respiratoria e l’insufficienza multi organo.

Ancora, sulla fondatezza del ricorso ai vaccini:

Il fatto è che noi stiamo stimolando la produzione di anticorpi con una via che non è naturale. Ma, se noi non sappiamo nemmeno come, nella forma naturale della malattia, il virus attacca […], vorrei capire il razionale scientifico per cui stiamo proponendo questa cosa [il vaccino] ai giovani.

Ulteriori dettagli in questo video:

COMMENTACommenta COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *